Andrea era un bimbo che amava le corse in macchina, soprattutto quelle di Formula Uno. Aveva un paio di miti che aveva preso ad esempio: la Ferrari ovviamente, che peró a quei tempi era lontana e a metà strada tra i fasti di Villeneuve e lo champagne di Schumacher.
E poi Ayrton Senna, uno che era il presente e il futuro di una Formula Uno che era diventata quel che era grazie anche e soprattutto a gente come lui.

Andrea ricorda ancora quando il papá e la mamma a gennaio o forse febbraio gli avevano fatto una sorpresa: due biglietti per vedere finalmente i suoi miti da vicino. L’appuntamento era per uno dei gran premi più belli di tutto il circus: gran premio di San Marino, circuito di Imola.

L’eccitazione non lo faceva dormire la notte, sognava ad occhi aperti di poter vedere e sentire da vicino quelle monoposto che erano anni che seguiva come poteva, tra il sussidiario e il minibasket.
La domenica all’ora di pranzo era con gli occhi incollati alla tv per sedersi al fianco di De Adamich che lo aggiornava sul circus e le sue curiosità, mentre l’armadio in camera era quasi piegato dal peso di tutti gli Autosprint che ogni mercoledì pomeriggio erano fonte di conoscenza quanto mai desiderata.
Riconosceva ogni pilota dai colori del casco e qua e la aveva letto la storia di ogni campionato del mondo dal 1950 in avanti, curioso di sapere, come solo un bimbo di undici anni può essere.

30 aprile 1994, Tribuna Pirelli - Curva Tosa
1 maggio 1994, Gradonata Verde - Curva Tosa

Boato, silenzio, bandiera rossa, silenzio, elicottero, silenzio, applausi, boato.

Quel che é successo é storia, e la storia é bene ricordarla come la scrissero i giornali e la raccontarono le tv.
Ma se Andrea chiude gli occhi e ripensa a quei giorni, ha ancora nitida l’istantanea di lui e suo padre in macchina per le colline del Santerno con la radio che annuncia che Senna se n’era andato per sempre.

E con lui la sua passione per la Formula Uno.

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • del.icio.us
  • Technorati