Ne parlavamo tanto tanti anni fa.

Sto valigiando, finalmente. Anzi, finalmente mica tanto dato che ieri sera ho dovuto fare gli straordineri per finire un lavoro in tempo e partire tranquillo. Stamattina ho finito il finibile e ora sono in fase relax, almeno fino a lunedì mattina ore sette, quando l’Eurostar tagliando da ovest a est l’emilia romagna mi riporterà a casa.
Già perchè questo è il weekend del dejavu, del ritorno al costumino slip e al pinguino dopo il bagno del pomeriggio. No, non preoccupatevi, niente slip in realtà. E’ solo un modo per ricordare la bacinella e i cugini che mi portavano in giro, la moto della Peg-Perego aperta in due nel volo verso la spiaggia e i mondiali del ‘90 vinti contro il Norina con la polo Lacoste azzurra numeroquattro della zia.
Bestemmie in macchina per la guida di Raymond-Santhià-Treno-Puzza-Centrale-ES-Bologna-Fotodiritoall’orologio-ClioFede.
Poi un viaggio in autostrada che sarà corto quanto basta per raccontarsi i quattro mesi che sono passati da quando ci siamo visti l’ultima volta qui in Eporedia. Odori e immagini così lontane dalle nostre quotidianità che però sembra di poter toccare al volo.
E poi chissà, le risate, il materassino che mi spezzerà la schiena e quella rompiballe che è giù da più di una settimana che non vedo l’ora di poter asfaltare di corsa sulla pista ciclabile fino al Pomodoro.
Questione di punti di vista.

Ne restan due, scegli quella che vuoi.

Il corvo Joe, Baustelle

Condividi : Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • del.icio.us
  • Technorati